01 luglio 2024

❌DA OGGI NON VALGONO PIU' LE REGOLE DELL' IMPUGNAZIONE PANDEMICA❌



Ieri ultimo giorno per la disciplina pandemica, in tema di impugnazioni, più volte prorogata. 

Si tratta di disposizioni contenute nel d.l. 28 ottobre 2020 n. 137, convertito con modificazioni dalla L. 18 dicembre 2020, n. 176

Dunque per gli appelli proposti da domani

la richiesta di trattazione orale va formulata entro 15 dalla notifica del d.c. e non dall'udienza;

entro 15 gg. prima dell'udienza il p.g. formula le sue richieste e tutte le parti possono presentare motivi nuovi e memorie;

entro 5 gg. prima dell'udienza tutte le parti possono presentarsi memorie di replica

il provvedimento emesso in seguito alla camera di consiglio non partecipata è depositato in cancelleria e il suo deposito equivale a lettura ai fini dell'art. 545 c.p.p..

Alcune differenze, rispetto all'attuale disciplina: 

1) per come già detto, muta il termine per la richiesta di trattazione orale;

2) varia anche il termine per il deposito delle conclusioni scritte di tutte le parti e non viene prevista una scansione delle stesse. Fino ad oggi <<entro il decimo giorno precedente l'udienza, il pubblico ministero formula(va) le sue conclusioni con atto trasmesso alla cancelleria della corte di appello>>, mentre i difensori delle altre parti potevano presentare le conclusioni con atto scritto, entro il quinto giorno antecedente l'udienza. Il termine per il deposito delle conclusioni di tutte le parti finisce per coincidere con quello per proporre motivi aggiunti e istanza di concordato;

3) il termine attuale per le conclusioni delle parti private diventa il termine per le memorie di replica accordato a tutte le parti;   

4) non si prevede una qualche forma di comunicazione in capo alla cancelleria delle conclusioni del p.g. al difensore che quindi sarà onerato di verificarne il deposito;

5) non si indica una specifica forma di deposito dell'istanza (salvo ovviamente ricavarle da norme generali); 

6) il dispositivo non viene più comunicato alle parti.

Per il ricorso per Cassazione: 

a)  la richiesta di trattazione orale va formulata entro 10 giorni dalla notifica dell'avviso di fissazione dell'udienza (e non 25 gg. prima dell'udienza). Tuttavia tale previsione sembra destinata ad essere modificata da un d.l. approvato dal Consiglio dei Ministri il 24.06., secondo cui al comma 1-ter dell'art. 611, il primo periodo è sostituito dal seguente: «Le richieste di cui al comma 1-bis sono irrevocabili e sono presentate alla cancelleria dal procuratore generale o dal difensore abilitato a norma dell'articolo 613 entro il termine perentorio di venticinque giorni liberi prima dell'udienza ovvero di quindici giorni liberi prima dell’udienza nei procedimenti da trattare con le forme previste dall’articolo 127.» (comunicato del Governo al link)

Aggiornamento. Qui (al link) la Gazzetta Ufficiale di sabato 29 giugno dove è stato pubblicato il decreto legge n.89/2024 che, all’articolo 11, ha “ripristinato” i termini di 25 giorni prima dell’udienza innanzi la corte di cassazione. 

Di seguito il testo in vigore per i prossimi sessanta giorni, salva la conversione in legge:

Art. 11.

Modifiche al codice di procedura penale per l’efficienza del procedimento penale

1. All’articolo 610, comma 5, del codice di procedura penale, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) le parole «se il ricorso sarà deciso a seguito di udienza pubblica ovvero in camera di consiglio» sono sostituite dalle seguenti: «che il ricorso sarà deciso in ca- mera di consiglio, senza la presenza delle parti, salvo il disposto dell’articolo 611»;

b) dopo il primo periodo è aggiunto il seguente: «Nei procedimenti da trattare con le forme previste dall’artico- lo 127 il termine è ridotto ad almeno venti giorni prima dell’udienza.».

2. All’articolo 611 del codice di procedura penale, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al comma 1 è aggiunto, in fine, il seguente perio- do: «Nei procedimenti da trattare con le forme previste dall’articolo 127 i termini per presentare motivi nuovi e memorie sono ridotti a dieci giorni e per presentare me- morie di replica a tre giorni.»;

b) al comma 1-ter, il primo periodo è sostituito dal seguente: «Le richieste di cui al comma 1-bis sono irre- vocabili e sono presentate alla cancelleria dal procurato- re generale o dal difensore abilitato a norma dell’artico- lo 613 entro il termine perentorio di venticinque giorni liberi prima dell’udienza ovvero di quindici giorni liberi prima dell’udienza nei procedimenti da trattare con le for- me previste dall’articolo 127.»;

c) il comma 1-quinquies è abrogato.

3. Le disposizioni di cui ai commi 1 e 2 si applicano ai ricorsi proposti dopo il 30 giugno 2024.


b) entro 15 gg. prima dell'udienza il p.g. formula le sue richieste e tutte le parti possono presentare motivi nuovi e memorie (prima per le parti private il termine per proporre le sue conclusioni era pari a 5 gg. prima dell'udienza). Tuttavia tale previsione sembra destinata ad essere modificata da un d.l. approvato dal Consiglio dei Ministri il 24.06., secondo cui «nei procedimenti da trattare con le forme previste dall’articolo 127 i termini per presentare motivi nuovi e memorie sono ridotti a dieci giorni e per presentare memorie di replica a tre giorni»;

c) tutte le parti possono presentare memorie di replica fino a 5 gg. prima dell'udienza. Nondimeno, si veda sopra quanto disposto dal nuovo d.l.   

Anche, per questo mezzo di impugnazione non si prevedono oneri di comunicazione per la cancelleria e non si indicano modalità specifiche di deposito dell'istanza di trattazione orale.

Si tratta evidentemente di una disciplina di sfavore della difesa, alla quale non viene assicurato il diritto di intervenire per ultima e sulla quale graveranno nuovi oneri di accertamento (anche in considerazione del fatto che il deposito in cancelleria equivale a lettura dell'eventuale motivazione contestuale). 

Diciamolo sinceramente, la disciplina emergenziale Bonafede era meglio di quella ordinaria della Cartabia. Anche se poi la giurisprudenza spesso aveva fatto non poco per mortificare le garanzie accordate dalla previgente disciplina.

P.S. sulla scorta delle SS.UU. del 27.06.2024 per gli appelli depositati da oggi il termine a comparire è pari a 40 gg.       


Ultima pubblicazione

Reati permanenti e contestazione effettuata nella forma cd. "aperta" o a "consumazione in atto": oneri di discolpa e obblighi motivazionali

  Nei reati permanenti in cui la contestazione sia effettuata nella forma cd. "aperta" o a "consumazione in atto", senza...

I più letti di sempre